Alberto Belli

Alberto Belli

CEO and Content Creator of Bologna-Experience

Stai cercando un alloggio a Bologna? Non perdere l’opportunità, prenota una stanza al nostro bed and breakfast!



Sentieri ed escursioni a Bologna: cinque percorsi in mezzo alla natura

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su telegram
Telegram

Stai cercando dei sentieri per immergerti nel verde dei colli bolognesi? Ecco alcune idee e percorsi per organizzare le tue escursioni a Bologna!

Via della Lana e della Seta

La Via della Lana e della Seta è un percorso impegnativo di circa 6 giorni per 130 km che collega Prato a Bologna e viceversa, attraversando i comuni di Cantagallo, Vaiano, Vernio, Castiglione dei Pepoli, Camugnano, Grizzana Morandi, Marzabotto, Sasso Marconi, Casalecchio di Reno e Bologna.

Vista la lunghezza solitamente si divide in 6 tappe di circa 20 km ciascuna. Durante il cammino è possibile fermarsi nelle numerose strutture che offrono ristorazione tipica del territorio ed alloggio.

Perché proprio Via della Lana e della Seta?

Il nome gli è stato attribuito in quanto un tempo era la via dei commerci tra Bologna, famosa per la seta, e Prato, famosa per la lana. Questo sentiero è percorribile sia a piedi, sia in mountain bike: se si decide di percorrerlo in bici, è consigliato un buon allenamento.

La Via della Lana e della Seta offre numerosi paesaggi mozzafiato, dove non ci si può non fermare: partendo da Bologna si può ammirare Piazza Maggiore, via Riva di Reno, l’ex filanda e la Chiusa.

Proseguendo verso Sasso Marconi si trova il Ponte di Vizzano (ponte di epoca romana che collegava Roma e Firenze a Bologna), Palazzo de’ Rossi (leggi anche Le ville del contado di Bologna), il parco di Monte Sole e il Mausoleo di Marconi.

Arrivati a Grizzana Morandi ci si può soffermare ad osservare Casa Morandi (dove abitò Giorgio Morandi, pittore ed incisore italiano), Rocchetta Mattei e Borgo la Scola.

A Castiglione dei Pepoli non si può non vedere l’immenso Parco dei Laghi come in Val di Bisenzio non ci si può perdere la Rocca di Cerbaia. Una volta arrivati a Prato è d’obbligo una sosta al Cavalciotto (esempio di archeologia industriale), a Palazzo Datini e a Piazza del Duomo. 

Via degli Dei

Un’altra delle escursioni possibili che ti suggeriamo, che lega Bologna e la Toscana, è la Via degli Dei: sentiero che parte da Bologna e arriva a Firenze in Piazza della Signoria di circa 130 km. È percorribile sia a piedi, sia in mountain bike.

La Via degli Dei è stata ideata a fine Novecento da escursionisti bolognesi che volevano ricreare la strada che in epoca romana collegava Bologna con Arezzo e Roma attraverso gli Appennini, denominata Flaminia Militare. 

Partendo da Bologna si prosegue verso Casalecchio di Reno arrivando a Sasso Marconi. Da qui si prende il sentiero verso Monzuno e poi verso Madonna dei Fornelli. Arrivati in Toscana si passa per Sant’Agata arrivando infine in Piazza della Signoria.

Durante la Via degli Dei è possibile osservare l’acquedotto romano, l’oasi di San Gherardo, il giardino botanico Nova Arbora, il più grande cimitero tedesco in Italia, la Pieve del 1175, il convento Bosco ai Frati e il Castello del Trebbio.

Numerose sono le locande e agriturismi presenti lungo il percorso per poter riposare e poi riprendere la camminata. Inoltre, molte di queste strutture sono pet-friendly quindi, se stai pensando di percorrere questo percorso a sei zampe, non pensarci due volte!

Eremo di Ronzano

Stai cercando un escursione a Bologna breve e semplice? L’Eremo di Ronzano ti sta aspettando!

L’itinerario fa parte del sentiero CAI n.904 e inizia in via dell’Osservanza. Proseguendo si arriva all’omonima chiesa San Paolo in Monte dell’Osservanza; a questo punto è necessario seguire le indicazioni del sentiero 904 che porterà a Villa Ghigi, attraversando il parco si arriverà all’Eremo di Ronzano.

Se siete amanti delle ville storiche, vi consigliamo anche una nostra selezione delle più belle ville storiche, sia in centro della città, sia che nella provincia bolognese!

Si narra che nel 1140 un nobile bolognese si rifugiò a Ronzano e vi fondò una cappella. Successivamente, nel 1209, la pronipote fondò la chiesa. L’Eremo è a oggi ancora visitabile. 

Se si vuole proseguire, si arriverà alla chiesa di San Michele Arcangelo di Gaibola.

Questa escursione è di circa 3 km ed è percorribile in 45 minuti. 

Sentiero dei Bregoli

Il Sentiero dei Bregoli è un percorso che coinvolge il Parco della Chiusa e il Santuario della Madonna di San Luca.

Il sentiero inizia all’entrata principale del Parco della Chiusa: percorrendo la strada principale, si incontra a sinistra via Panoramica da percorrere fino alla sua fine. Da qui si prosegue con il Sentiero delle Montagnole che porta alla Montagnola di Sopra: a questo punto si deve mantenere la destra. Arrivati a Via di San Luca, in pochi minuti si arriverà al Santuario della Beata Vergine di San Luca. Qui si avrà una vista panoramica su tutta Bologna. 

Durante il percorso è possibile notare i resti di Villa Sampieri Talon, della famiglia Sampieri, che venne distrutta durante la Seconda Guerra Mondiale. 

Una volta arrivati al Santuario della Beata Vergine di San Luca è possibile scegliere se scendere verso il centro di Bologna seguendo il portico più lungo al mondo, oppure se tornare al punto di partenza prendendo il sentiero CAI 112/A che arriva alla chiesa di San Martino.

Da dove deriva il nome Bregoli?

Ci sono due leggende attorno a quest’ultimo: la prima narra che, un tempo, i cittadini di Casalecchio utilizzassero questo sentiero per cercare bregoli ossia sterpi di legna; la seconda, invece, narra che i bolognesi pronuncino questo nome “brigoli” che significa intransitabile e ghiaioso. 

La lunghezza di questo percorso è di circa 3 km all’andata e può durare intorno ad un’ora: è adatto a tutti. 

Quattro ponti sul Reno

Stai cercando un percorso di livello intermedio? Questo può fare per te!

Il percorso “Quattro ponti sul Reno” inizia dalla Filanda situata in Via Dei Canonici Renani a Casalecchio di Reno attraversando il primo ponte costruito sopra il quartiere Garibaldi. Il secondo ponte che si incontra è il Ponte della Pace: una volta percorso, si passa sotto di esso fino ad incontrare il ponte sul Reno di via Porrettana. Al termine di quest’ultimo ci si troverà in Piazza del Monumento ai Caduti dove si trova un percorso pedonale che termina al Lido di Casalecchio. Da via Ronzani bisogna prestare attenzione ad una segnaletica che indica la presenza di una passerella: attraversandola inizierà il percorso di ritorno attraverso il Parco della Chiusa fino a San Martino e seguendo la pista ciclabile si ritornerà a Bologna. 

La lunghezza dell’intero percorso è di circa 9 km percorribile in 3 ore, senza la necessità di un previo allenamento. 

Ti sono piaciuti questi percorsi? Che cosa aspetti, zaino in spalla e goditi il verde della natura bolognese!

Leggi anche Sentieri ed escursioni a Bologna: il Sentiero Italia e la guida “La Via dei Gessi e dei Calanchi a piedi”

Bibliografia

  • Cervigni P., Guida dei sentieri dell’alto Appennino bolognese-toscano dal Passo della Futa al Reno, Carpi, Il Sentiero, 2019.
  • Cervigni P., Il sentiero degli dei. Da Bologna a Firenze, Rimini, L’Escursionista, 2016.
  • Lenzi Bonfiglioli V., Bologna dalla parte della collina. 14 itinerari storico-culturali adatti a tutti, Treviso, Editoriale Programma, 2018.
  • Paticchia V., Via della lana e della seta. A piedi da Bologna a Prato. 130 km a piedi in 6 tappe da Bologna a Prato, Cuneo, Fusta, 2018.

Scopri di più

Cimitero della Certosa di Bologna

La Certosa di Bologna: un cimitero museo

Il Cimitero della Certosa di Bologna costituisce sotto molti aspetti un unicum nell’orizzonte delle necropoli moderne dell’Occidente. Questo cimitero fu aperto nel